Kimia S.p.A.

Ex scuderie della Rocca di Sant'Apollinare


Cantiere Lavori edili di ristrutturazione, adeguamento sismico e riqualificazione energetica e ambientale
Anno 2014
Località Marsciano
Zona Perugia
Europa
Italia
Umbria

Committente Fondazione Istruzione Agraria in Perugia
Progettista Studio d'Ingegneria Ing. Paolo Ceccarini, Arch. Francesco Ernesto Ventura
Direzione dei lavori Ing. Andrea Biagiotti
Impresa edile A.T.I. Gustinelli sas di Gustinelli Marco & co. E Gallano srl
Categorie di intervento Consolidamento strutturale con materiali compositi
Consolidamento strutturale con prodotti a calce

La Rocca di Sant’Apollinare è un'antica abbazia benedettina situata nei pressi di Spina, località a pochi chilometri da Marsciano, in provincia di Perugia. Collocata su di un colle che sovrasta la valle del fiume Nestore, la Rocca fu costruita nel X secolo come fortezza a difesa di una nobile famiglia locale.

L'edificio che un tempo ospitava le scuderie, danneggiato dopo il terremoto che nel 2009 ha colpito la Val Tiberina, è stato oggetto nel 2014 di un complesso ed affasciante intervento di restauro, adeguamento sismico e di riqualificazione energetica commissionato dalla Fondazione per l’Istruzione Agraria, presieduta dal Prof. Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia.

Ex scuderie della Rocca di Sant'Apollinare

Il progetto, il cui responsabile scientifico è il Prof. Franco Cotana, ordinario di Fisica tecnica industriale presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia, è il frutto della collaborazione tra l'Università degli Studi di Perugia e un gruppo di aziende scelte per l'esperienza dimostrata nel campo degli interventi di recupero, di consolidamento statico e di efficientamento energetico di edifici storici.

Una delle aziende coinvolte nel progetto realizzato dall'Ing. Paolo Ceccarini e dall'Arch. Francesco Ernesto Ventura, è stata Kimia, chiamata a fornire le proprie soluzioni per l'adeguamento sismico dell'edificio. 

Le soluzioni Kimia impiegate

L'opera di adeguamento sismico dell'edificio ha previsto l'impiego di iniezioni di malta a base di calce idraulica naturale Limepor 100 per la rigenerazione e il preconsolidamento delle murature lesionate. Successivamente è stato eseguito un intervento di rinforzo strutturale impiegando tessuti in fibra di acciaio inossidabile Kimisteel INOX, inglobati all'interno di matrici inorganiche Kimisteel LM, additivate con lattice Kimitech B2

Rocca di Sant'Apollinare, iniezioni di malta Limepor 100 sulle murature

L'operazione ha riguardato il consolidamento della volta del piano terra, la cerchiatura dell'edificio, dall'esterno, a livello del primo piano, e il rinforzo dei solaio del primo piano.

La volta a botte in muratura è stata rinforzata realizzando una maglia di fasciature nelle due direzioni, circolare e longitudinale, per poi essere rivestita da uno strato di malta di cocciopesto realizzato in opera. I solai di piano sono stati rinforzati disponendo invece le fasciature all'estradosso, per poter essere inglobate all'interno del massetto. Le fasciature sono state poi ancorate sulle facce esterne delle murature, realizzando delle sfioccature dei tessuti, dopo averle inserite in apposite perforazioni. In questo modo è stato possibile collegare i paramenti murari opposti, utilizzando delle fasciature continue. Le sfioccature esterne sono state inoltre sovrapposte alle fasciature di piano per garantire maggiore tenuta delle fasce.

Il Premio Sviluppo Sostenibile 2016

Il progetto ha avuto risonanza nazionale e non solo, visto che ha ricevuto il "Premio per lo Sviluppo Sostenibile 2016 - Settore Edilizia Green", promosso dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da Ecomondo - Rimini Fiera, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

La Rocca di Sant'Apoollinare è inoltre il primo al mondo ad essere certificato come "Leed Historical Building" e al suo interno, oggi, ospita gli uffici del Centro di Ricerca sulle Biomasse dell’Università degli Studi di Perugia.

PER APPROFONDIRE: Il recupero della Rocca di Sant'Apollinare vince il Premio Sviluppo Sostenibile 2016

Galleria fotografica: 


Ti è piaciuto il contenuto dell'articolo? Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre novità.