Kimia S.p.A.

Un miliardo per la cultura. 33 grandi interventi in tutta Italia

Un miliardo per la cultura. 33 grandi interventi in tutta Italia

Il Ministro dei beni e attività culturali e del turismo Franceschini l'ha definito come: «La più grande operazione di restauro e valorizzazione dei beni culturali della storia della Repubblica». E' il Piano strategico turismo e cultura da un miliardo di euro del Fondo Sviluppo e Coesione 2014 – 2020 approvato il primo maggio dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe).

Il fondi previsti dal Piano verranno impiegati da subito e fino al 2020 per finanziare il completamento di grandi cantieri già in corso, come Pompei, la Reggia di Caserta e gli Uffizi di Firenze, e l'avvio di nuovi interventi per un importo complessivo di 170 milioni, da definire con apposito Decreto.

Gli interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale saranno in totale 33 in tredici regioni (qui l'elenco in pdf) e avranno, secondo quanto dichiarato dal Ministro Franceschini nel corso della presentazione alla stampa, «un forte impatto sull'economia, riattivando risorse di eccellenza e portando lavoro ai tanti specialisti e tecnici dei beni culturali che, spesso riuniti in piccole e medie imprese, costituiscono parte importante del tessuto economico del territorio».

L'elenco degli interventi

Ecco quali saranno gli interventi finanziati:

  • L'Aquila: 30 milioni per il centro storico.

Secondo il Ministro Franceschini, le risorse per l'Aquila verranno impèiegate per il completamento delle mura, del Duomo e di Santa Maria Paganica.

  • Napoli: 20 milioni per il Museo Archeologico Nazionale, 30 milioni per il Museo di Capodimonte, 25 milioni per il restauro e la valorizzazione del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, 10 milioni per l'area archeologica di Ercolano e 40 milioni per quella di Pompei;
  • Caserta: 40 milioni per la Reggia e per Piazza Carlo III;
  • Salerno: 20 milioni per il museo e l'area archeologica di Paestum.

«Per il Mezzogiorno, e la Campania in particolare, si è aperta una nuova stagione di ingenti investimenti da parte del Governo per i beni culturali ed il turismo, asset per troppo tempo trascurati, se non addirittura privati delle risorse finanziarie necessarie anche per una ordinaria manutenzione» - ha dichiarato Antimo Cesaro, il Sottosegretario ai Beni Culturali e al Turismo.

Reggia di Caserta
Reggia di Caserta
  • Ferrara: 25 milioni Museo Nazionale dell'ebraismo e della Shoah;
  • Bologna: 2 milioni per il Portico del Santuario di San Luca e 8 milioni per le chiese del centro storico (S. Maria dei Servi, S. Giacomo, S. Maria in Galleria, Corpus Domini);
  • Trieste: 50 milioni per il Porto Vecchio.

Il Porto Vecchio, ha affermato il Ministro Franceschini, «è una delle sfide più importanti che il Paese dovrà affrontare nei prossimi anni. E’ un posto incredibile, era il porto degli Asburgo, e può diventare una delle operazioni più importanti in Europa di riqualificazione di un’intera città».

  • Roma: 40 milioni per il recupero del complesso Cerimat destinato a iniziative culturali, 9 milioni per la Galleria Nazionale d'Arte Antica e 15 milioni per quella d'Arte Moderna;
  • Latina: 70 milioni per l'ex Carcere Borbonico di S. Stefano a Ventotene;
  • Milano: 40 milioni per la Pinacoteca di Brera;
  • Mantova: 12 milioni per Palazzo Ducale;
  • Alessandria: 25 milioni per il recupero della Cittadella.

«La Cittadella di Alessandria è una grande sfida per il Paese. E’ una bellissima fortezza, uno dei più importanti complessi militari che si conservi in Europa e che merita un’attenzione a livello nazionale» - ha dichiarato ancora il Ministro, che prosegue - «I 25 milioni appena stanziati non riusciranno da soli a finanziare l’intero progetto ma ci consentono comunque di intervenire in modo significativo e avviare, d’intesa con la Regione Piemonte, con il Comune di Alessandria e con gli altri importanti soggetti istituzionali interessati, un serio dibattito sulla destinazione da consegnare a questo importante pezzo del patrimonio nazionale».

12 milioni per il Palazzo Ducale di Mantova
Palazzo Ducale, Mantova
  • Torino: 15 milioni per il restauro delle Cavallerizze e dei Giardini Reali;
  • Bari: 5 milioni per la Cittadella della Cultura;
  • Tremiti (Foggia): 20 milioni per il recupero dell'Isola di S. Nicola;
  • Firenze: 40 milioni per le Gallerie degli Uffizi e 60 milioni per il completamento dell'Auditorium;
  • Perugia: 5 milioni per la Galleria Nazionale dell'Umbria;
  • Venezia: 8 milioni per il Museo d'Arte Orientale;
  • Olbia-Tempio: 15 milioni per interventi di recupero a La Maddalena;
  • Genova: 6 milioni per Palazzo Reale e 15 milioni per il Waterfront.

Secondo il Ministro Franceschini quello del Waterfront «è un intervento di cofinanziamento. Le risorse non basteranno ma è un passo importante: c’è un progetto bellissimo di Renzo Piano che restituisce a Genova il contatto con il mare e ci consente di intervenire sulla riqualificazione urbana».

  • Cammini di S. Francesco e S. Scolastica: 20 milioni per interventi strutturali e infrastrutturali in Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Umbria e Marche;
  • Appia Regina Viarium: 20 milioni per la valorizzazione dell'antico tracciato;
  • Via Francigena: 20 milioni per interventi su tratti del percorso;
  • Ducato Estense: 70 milioni per il recupero dei beni culturali danneggiati dal sisma dell'Emilia.

Il Piano strategico turismo e cultura rappresenta una grande occasione per rilanciare e valorizzare quelle aree e quei beni culturali di immenso valore che costituiscono la vera ricchezza del nostro Paese. Seguiremo perciò con particolare attenzione le novità su questi interventi e su quelli che verranno finanziati con i restanti 170 milioni di euro.

Nel frattempo, vi invitiamo a condividere questo articolo, tramite i tasti qui sotto e sulle nostre pagine Facebook, Linkedin e Twitter.

Ti è piaciuto il contenuto dell'articolo? Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre novità.

Kimia S.p.A.

Via del Rame, 73
06134 - P.te Felcino
Perugia (PG) - Italia

Phone:
+39 075 591 80 71
Fax:
+39 075 591 33 78
Email: info@kimia.it