Kimia S.p.A.

Radar edilizia. 5 news di Novembre da ricordare

Novembre è ormai alle spalle ma tante sono le notizie dal mondo dell'edilizia che lo hanno contraddistinto e che sortiranno i propri effetti nel 2016. Noi, come di consueto, ne abbiamo scelte cinque. Si parla di edilizia residenziale pubblica, di miglioramento energetico dei beni culturali e di adeguamento sismico degli edifici scolastici. Per approfondire ciascuna notizia, troverete i relativi decreti e i bandi da scaricare.

1. Edilizia residenziale pubblica: 468 milioni di euro per il recupero di oltre 20 mila alloggi

Una delle notizie più importanti del mese di novembre è stata, senza dubbio, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Ministeriale 12 ottobre 2015 da 468 milioni di euro, che consentirà alle regioni di finanziare gli interventi di recupero degli alloggi di edilizia popolare. Il Decreto attua il "Piano Casa" voluto dal Governo Renzi con il DL 47/2014 e finanzierà gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di più di 20 mila alloggi inagibili o in stato di manutenzione precaria.

Lo stanziamento dei 468 milioni di euro avverrà lungo due direttrici. La prima comprende interventi di lieve entità fino a 15 mila euro e che renderanno da subito disponibili gli alloggi sfitti. Per questi interventi verranno destinati 67,9 milioni di euro. La seconda direttrice riguarda invece i lavori di ripristino e manutenzione straordinaria fino a 50 mila euro. Le risorse assegnate per questi interventi ammontano a 400 milioni di euro. In questo gruppo rientrano i lavori per:

  • l’efficientamento energetico degli edifici che portino a riduzioni del 30% almeno dei consumi registrati nell’ultimo biennio,
  • la messa in sicurezza delle parti strutturali e l’adeguamento antisismico degli edifici,
  • la rimozione di materiali nocivi come piombo e amianto,
  • il superamento delle barriere architettoniche,
  • la manutenzione delle parti comuni e delle pertinenze,
  • il frazionamento e l’accorpamento degli alloggi in considerazione delle diverse esigenze abitative.

Le novità sull'edilizia residenziale pubblica tuttavia non finiscono qui perché sono stati annunciati dal Premier Matteo Renzi altri 25 milioni, stanziati con il decreto “Misure urgenti per gli interventi nel territorio”, approvato dal Consiglio dei Ministri. Le risorse aggiuntive finanzieranno piccoli interventi di manutenzione e consentuiranno l'assegnazione di circa 16 mila alloggi.

► Qui potete scaricare il testo del Decreto 12 ottobre 2015 

2. Approvato in Senato il Collegato ambientale 

Il 4 novembre è stato approvato dal Senato il testo del "Collegato ambientale" alla Legge di stabilità, il disegno di legge 1676 recante disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali. Il DDL, che ora è tornato alla Camera per la seconda lettura, si compone di ben 79 articoli e si occupa di molti settori tra cui quello degli appalti e degli acquisti verdi della Pubblica Amministrazione, della gestione dei rifiuti e della rimozione dell'amianto.

Per quest'ultimo, è stata introdotta l'attribuzione del credito d’imposta del 50% delle spese sostenute a favore delle imprese che effettueranno nel 2016 gli interventi di bonifica dell'amianto su beni e strutture produttive. Il credito d'imposta è attribuito nel limite di spesa complessivo di 5,667 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019. Verrà ripartito in tre quote annuali di pari importo e non spetterà agli investimenti di importo inferiore a 20.000 euro.

► Scaricate qui il testo del Collegato Ambientale 

3. 46 milioni di euro per l'adeguamento sismico delle scuole

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 270 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 15 settembre 2015 contenente l’elenco degli interventi per l'adeguamento strutturale e antisismico degli edifici scolastici e la costruzione di nuovi istituti che andranno a sostituire quelli esistenti a rischio sismico. Le risorse, che ammontano a più di 46 milioni, sono state assegnate alle Regioni grazie al “Fondo per interventi straordinari della Presidenza del Consiglio dei Ministri”

► Qui trovate il testo del Decreto 15 settembre 2015 e l'elenco degli istituti scolastici finanziati

4. Pubblicate le linee guida per il miglioramento energetico dei beni culturali

Il MIBACT ha pubblicato le "Linee guida per la valutazione e per il miglioramento della prestazione energetica del patrimonio culturale. Architettura, centri e nuclei storici ed urbani". Redatte da un gruppo di lavoro composto da dirigenti ministeriali e da docenti universitari, le linee guida hanno l’intento di fornire indicazioni operative sia ai progettisti che al personale del Ministero stesso. 

Ai progettisti viene fornito uno strumento per la valutazione della prestazione energetica dell’edificio storico nelle condizioni esistenti e criteri operativi per il progetto degli eventuali interventi di riqualificazione energetica. Al personale del Ministero viene offerto invece uno strumento scientifico in grado di coniugare rigore scientifico e aggiornamento tecnico sulla materia, così da consentirgli, anche in tale campo, di interloquire con piena consapevolezza con i progettisti o i proponenti. 

Le Linee d’indirizzo affrontano anche il tema delle ricadute dell'uso efficiente dell’energia per la conservazione e la protezione dei centri e dei nuclei storici e dell’architettura rurale ai fini paesaggistici e sulla qualità dell’intervento contemporaneo per la riqualificazione degli edifici e dei nuclei urbani. 

► Qui potete scaricare il documento con le Linee di indirizzo del MIBACT

5. Efficienza energetica degli edifici pubblici: 3 nuovi bandi regionali

Concludiamo infine la nostra rassegna con alcuni bandi regionali legati al tema dell'efficienza energetica degli edifici pubblici. A segnalarli è "Italia Sicura", la struttura di missione istituita dal governo per l'edilizia scolastica. 

La Regione Lazio ha stanziato 13,2 milioni di euro attraverso il bando “Energia sostenibile 2.0: Promozione dell'eco-efficienza e riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche”. Il contributo è pari al 100% del costo dell'intervento, che dovrà essere compreso tra 200 e 700 mila euro.

► Qui potete scaricate il bando della Regione Lazio

La Regione Lombardia ha stanziato 7 milioni di euro per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici di proprietà di piccoli Comuni, unioni di Comuni, Comuni derivanti da fusione e Comunità Montane. Sono ammessi gli interventi di riqualificazione energetica, anche mediante demolizione e ricostruzione, che permettano di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici con impianto termico e appartenenti alle classi energetiche D, E, F o G. il Contributo a fondo perduto è fino al 90% delle spese dell'intervento, fino ad un massimo di 250 mila euro. 

► Qui il bando della Regione Lombardia

La Valle d'Aosta ha stanziato 4,1 milioni di euro per la creazione e lo sviluppo di unità di ricerca, con almeno una sede operativa nel territorio regionale, volte a valorizzare e rafforzare la filiera della ricerca e le reti di cooperazione con le imprese. Tra le aree tematiche previste, l'edilizia sostenibile, la costruzione di edifici a basso consumo energetico e la ristrutturazione di edifici con tecniche volte al risparmio e all'efficienza energetica, la bio-edilizia, l'architettura bio-climatica, inuovi materiali e l'automazione degli edifici.

► Ecco il bando della Regione Valle d'Aosta

Bandi regionali ma non solo visto che sul tema dell'efficienza energetica anche la Fondazione Cariplo ne ha promosso uno. Il bando, chiamato: “100 Comuni efficienti e rinnovabili”, prevede lo stanziamento di 1,8 milioni di euro ed è volto a sostenere amministrazioni ed enti locali nella realizzazione di interventi finalizzati all’efficienza energetica e allo sviluppo delle fonti rinnovabili. 

► Per maggiori dettagli scaricate qui il bando della Fondazione Cariplo

 

 

Ti è piaciuto il contenuto dell'articolo? Iscriviti alla newsletter per restare sempre aggiornato sulle nostre novità.

Kimia S.p.A.

Via del Rame, 73
06134 - P.te Felcino
Perugia (PG) - Italia

Phone:
+39 075 591 80 71
Fax:
+39 075 591 33 78
Email: info@kimia.it